Testosterone topico per migliorare il calo della libido in menopausa

  • Tra i tanti disturbi e cambiamenti che la menopausa comporta ci sono quelli della sfera: 

    • vulvo/vaginale che si manifesta con atrofia e secchezza vaginale, anche chiamata sindrome genitourinaria in menopausa (GSM) 
    • sessuale (calo della libido) 


    Tali disturbi riguardano più del 93% delle donne in post menopausa: perchè se è vero che le altre problematiche quali vampate, osteopenia/osteoporosi, insonnia, dolori articolari, irritabilità, confusione mentale, problematiche cardiovascolari, colpiscono in modo importante più o meno un terzo delle donne, quelli della sfera vulvo/vaginale e sessuale colpiscono, quasi tutte le donne.

La sindrome genitourinaria che si verifica in menopausa (GSM) è un termine relativamente nuovo ed è stato introdotto per la prima volta nel 2014, da un consenso dell’International Society for the Study of Women’s Sexual Health e della North American Menopause Society. La condizione era precedentemente nota come atrofia vulvovaginale, vaginite atrofica o atrofia urogenitale.

La GSM è una condizione cronica, progressiva, del tratto urinario inferiore caratterizzata da un ampio spettro di segni e sintomi. La maggior parte di questi sintomi può essere attribuita alla mancanza di estrogeni ed androgeni tipici della menopausa, che comportano assottigliamento dei tessuti genitali e delle mucose vaginali. Nonostante si tratti di una condizione che colpisce principalmente le donne in postmenopausa (50-70%), è osservata anche in molte donne in premenopausa (15%). Lo stato ipoestrogenico ed ipoandrogenico provoca cambiamenti ormonali e anatomici nel tratto genito-urinario che comportano sintomi quali:

  • secchezza vaginale
  • dispareunia (dolore ai rapporti sessuali)
  • ridotta lubrificazione


Si tratta di una sintomatologia che può avere un grande impatto sulla qualità della vita delle donne colpite, in particolare su quelle sessualmente attive.

Il calo della libido molto diffuso in menopausa è dovuto:

  • alla sintomatologia dolorosa che determina la GSM e che porta ad evitare rapporti. I sintomi dell’atrofia vulvo vaginale hanno una relazione approssimativamente lineare con la libido. Tanto è vero che i rapporti sessuali aumentano e il livello di soddisfazione migliora quando si riesce a ridurre il dolore durante il rapporto
  • alla carenza ormonale soprattutto dovuta ad una riduzione della produzione degli ormoni androgeni.

È interessante capire cosa accade alle mucose dell’apparato vulvo-vaginale in menopausa a causa della deprivazione estrogenica ed androgenica. Di fatto si assiste ad un assottigliamento degli strati superficiali ed intermedi dell’epitelio. Questo comporta:

  • la superficializzazione delle fibre sensitive nervose con riduzione della soglia del dolore
  • la riduzione della produzione di glicogeno con conseguente perdita della flora lattobacillare residente ed aumento del pH (Maggiore di 5,5) a causa della minore produzione di acido lattico che porta ad uno stato infiammatorio cronicizzato.

Innanzitutto è importante sapere che anche noi donne in età fertile produciamo non solo ormoni estrogeni (ormoni femminili) ma anche androgeni erroneamente ritenuti esclusivi degli uomini e troppo spesso dimenticati e per questo definiti “ormoni fantasma”.

Gli androgeni sono:

  • ildeidroepiandrosterone (DHEA), prodotto dal surrene
  • l’androstenedione (A),prodotto in parte dall’ovaio e in parte dal surrene
  • il testosterone (T)
    • in età fertileè prodotto per il 15% per cento dall’ovaio, per il 25% dal surrene e per il 50% per cento dal grasso corporeo, che funziona come una vera e propria ghiandola endocrina, a partire da precursori a loro volta prodotti dall’ovaio o dal surrene;
    • dopo la menopausa, invece, è l’ovaio la sorgente più importante di testosterone nella donna, in quanto contribuisce per il 50-60% alla produzione totale corporea;
  • il deidrotestosterone (DHT) la forma biologicamente attiva del testosterone.


E nel sangue raggiungono livelli molto più elevati degli estrogeni.

Quindi:

  • nella menopausa fisiologica assistiamo ad una riduzione del testosterone del 50% e del DHEA del 70%.
  • nella menopausa iatrogena o precoce la caduta del testosterone arriva anche all’80%.


Quando il livello degli ormoni androgeni è troppo basso, la donna può avvertire sintomi quali scarso desiderio sessuale, maggiore difficoltà a raggiungere l’orgasmo e/o avvertire una sua minore intensità, tendenza ad accumulare adipe sull’addome e sul punto vita e a perdere massa magra con aumento della massa grassa, scarsa energia vitale, una condizione simile alla depressione, determinata spesso dalla carenza di androgeni, maggiore sensazione di stanchezza fisica, minore vivacità (anche cognitiva), maggiore difficoltà ad affrontare l’esercizio fisico. Il testosterone migliora infatti la performance muscolare oltre a consentire buon trofismo osseo, contrastando quindi la tendenza all’osteoporosi tipica della menopausa.

Gli androgeni ed il testosterone, in particolare, sono essenziali quindi per: 

  • mantenere in  salute il cervello della donna. Riducono ansia, depressione e deterioramento cognitivo
  • mantenere la tonicità muscolare, migliorando gli effetti dell’esercizio fisico, e contrastare la perdita di massa e forza muscolare (sarcopenia)
  • ridurre l’osteoporosi e le fratture
  • proteggere dalle malattie cardiovascolari
  • stimolare il desiderio sessuale
  • aumentare l’energia fisica e mentale

Fino ad oggi, la GSM rimane estremamente sotto diagnosticata nonostante la sua alta diffusione, principalmente a causa della riluttanza tra le donne a cercare aiuto a causa della vergogna che provano nel parlarne con il proprio medico oltre che con le altre donne, e di una tendenza tra molte donne a considerare i disturbi come una normale caratteristica dell’invecchiamento naturale.

Tutto ciò costituisce una delle principali cause della mancanza di consapevolezza su questa sindrome. E le donne continuano a soffrirne.

Indicativi i risultati di una survey americana condotta su 1858 donne dalla quale emerge che l’atrofia vulvo-vaginale interessa oltre due terzi della popolazione femminile in menopausa . Ma che le donne che ne hanno una reale percezione sono pochissime:

  • il 42% la considera una componente dell’età e considera normale avere una sintomatologia dolorosa e invalidante
  • il 3% ignora che esistono terapie per migliorare tale condizione.

L’obiettivo principale dei trattamenti è quello di alleviare i sintomi della della GSM e di migliorare la funzionalità sessuale.

Il trattamento può consistere in:

  • terapie ormonalicon prodotti a base di estrogeni e/o androgeni locali, generalmente considerata il “gold standard”
  • terapie non ormonali come lubrificanti e creme idratanti
  • modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERM)
  • tecnologie laser
  • trasferimento di cellule staminali da tessuto adiposo: si tratta di metodiche con studi scientifici pubblicati condotti su un numero esiguo di pazienti, ma con risultati molto promettenti.

 
Tutte queste terapie possono essere combinate tra loro per ottenere il massimo dei benefici. Si tratta sempre di terapie locali o che agiscono a livello locale (i SERM ad esempio vengo assunti per bocca ma hanno efficacia solo a livello locale). Infatti sono molti i casi in cui, anche le donne che assumono terapia ormonale sostitutiva estroprogestinica, non riescono ad ottenere sufficienti benefici a livello vaginale ed è indispensabile abbinare ad essa trattamenti a livello locale.

Gli androgeni hanno un effetto diretto sulla struttura e funzione vaginale, questo perchè i recettori per gli  androgeni sono presenti nella mucosa, nella lamina e nell’endotelio vascolare e perché la densità recettoriale per gli androgeni aumenta dalla cervice alla vulva.

Se la densità recettoriale per gli androgeni aumenta dalla cervice alla vulva, va da se che il testosterone, l’androgeno per eccellenza, ad uso topico possa avere un’azione sul trofismo dei tessuti e sull’idratazione, sulla vasodilatazione, sulla lubrificazione e sull’aumento della densità delle fibre nervose vaginali.

Questi effetti portano ad un miglioramento dei sintomi della GSM e ad un aumento della libido.

Non esiste una formulazione adatta per la donna prodotta dall’industria farmaceutica. Esiste il testosterone propionato, molto utilizzato in passato (anni ’70/80) che pone dei limiti di utilizzo: avendo il prodotto un’emivita molto lunga, il suo utilizzo quotidiano porta ad accumulo e potrebbe comportare aumento di peso, comparsa di peli, brufoli o pelle grassa o abbassamento dei toni vocali. Diventa quindi indispensabile utilizzare il testosterone bioidentico ad uso topico.

Il Testosterone topico Vegetal Origin è un Testosterone bioidentico galenico ottenuto per semisintesi da una matrice vegetale contenente molecole a base steroidea (Es. diosgenina da Dioscorea villosa).
Gli ormoni vegetal origin sono ormoni bioidentici da non confondere con fitoestrogeni, fitoandrogeni, fitoprogestinici.

Il testosterone bioidentico vegetal origin è formulato in Pentravan® (11,12), una crema olio in acqua, a base di fosfatidilcolina, priva di petrolati (vaselina), fragranze e sostanze comunemente sensibilizzanti tipo i parabeni. È testata per uso dermatologico e ginecologico.

L’applicazione giornaliera di Testosterone Bioidendico riproduce l’andamento circadiano fisiologico  dell’ormone con un picco di massima concentrazione plasmatica a 3 ore e completa  ristabilizzazione al valore basale a 12 ore.  E quindi non comporta accumulo.

Il testosterone bioidentico deve essere utilizzato in sede vestibolo vulvare e in particolar modo in zona clitoridea e a livello della forchetta vulvare. La somministrazione è molto semplice perchè avviene attraverso un dispenser (topi-click) approvato dalla Food and Drug Administration, che consente di dosare esattamente la quantità quotidiana che si deve applicare. Il dosaggio ottimale deve essere stabilito con il proprio medico sulla base delle esigenze della singola paziente. Solitamente la somministrazione standard è pari a 2 click che corrispondono esattamente a 2,8mg di testosterone al giorno. Tale dosaggio non altera la  concentrazione plasmatica di estradiolo ed SHBG.

La preparazione è standard: ogni dispenser da 90 mg di prodotto contiene lo 0,56% di testosterone vegetal origin.

L’utilizzo del testosterone topico ha notevoli benefici sulla libido. In particolare su:

  • la lubrificazione
  • l’idratazione
  • l’eccitazione

Il testosterone bioidentico per uso topico non può essere utilizzato dalle donne che hanno avuto un carcinoma mammario. In realtà uno studio del 2017 pubblicato su Oncology Nursing Forum indica che il testosterone vegetale potrebbe essere utilizzato, a livello vaginale, nelle donne sopravvissute a carcinoma mammario che sono in cura con Anastrazolo o con gli Inibitori Aromatasi i quali, inibendo l’enzima che converte gli androgeni in estrogeni, fanno sì che il testosterone circolante non venga convertito in estradiolo. Sappiamo infatti che alle donne che hanno avuto un carcinoma mammario ormono-dipendente vengono prescritte cure che azzerano completamente gli estrogeni. Ma dal momento che non tutti gli oncologi sono concordi su l’utilizzo del testosterone, laddove non vi sia il parere favorevole del medico, non può essere prescritto.

Ho osservato in precedenza che gli studi scientifici indicano che l‘utilizzo del testosterone vaginale bioidentico, ai dosaggi citati (2,8 mg al giorno) non comporta accumulo e non ha effetto sistemico, quindi non comporta gli effetti collaterali tipici degli androgeni.

Ovviamente si tratta di tempistiche molto individuali, ma generalmente il miglioramento dei sintomi si avverte dopo 2/3 settimane dall’inizio dell’applicazione del prodotto.

Come ho accennato in precedenza si tratta di un prodotto galenico preparato da farmacie accreditate dietro presentazione di ricetta medica in originale e non ripetibile. La prescrizione deve essere fatta dal ginecologo o dall’endocrinologo.

Un dipenser da 90 gr di testosterone bioidentico ad uso topico ha un prezzo che va dai 60 ai 70 euro e dura circa due mesi, se l’applicazione è pari a due click ed è quotidiana.

Il testosterone transdermico può rivelarsi molto utile in donne che presentano sintomi da deprivazione androgenica, che non riguardano solo la sfera non sessuale e vulvo-vaginale, ma che sono generalizzati e che concernono:

  • tendenza ad accumulare adipe sull’addome e sul punto vita e a perdere massa magra con aumento della massa grassa
  • scarsa energia vitale, una condizione simile alla depressione
  • maggiore sensazione di stanchezza fisica
  • minore vivacità anche cognitiva
  • maggiore difficoltà ad affrontare l’esercizio fisico.


In questi casi, in abbinamento al testosterone biodentico ad uso topico, si può utilizzare il testosterone transdermico bioidentico, con effetto sistemico, da applicare nell’interno braccia e nell’interno coscia, alternando ogni volta i siti di applicazione. Anche in questo caso si tratta di una preparazione galenica allestita da farmacie accreditate, in contenitori topi-click, dietro presentazione di ricetta medica in originale e non ripetibile. La prescrizione deve essere fatta dal ginecologo o dall’endocrinologo. Il costo per 150 ml di prodotto è pari a 70/80 euro e la sua durata è variabile a seconda del quantitativo da utilizzare indicato dal medico.

L’utilizzo del testosterone transdermico bioidentico può comportare, nelle donne sensibili agli androgeni:

  • aumento di peso
  • comparsa di peli, brufoli o pelle grassa
  • abbassamento dei toni vocali

Quindi è molto importante:

  • allestire una preparazione con una percentuale di testosterone adeguata,
  • utilizzare il dosaggio indicato dal medico.


Nel caso in cui si manifestasse una sintomatologia come quella descritta è opportuno interrompere l’applicazione.

Utilizzo il testosterone bioidentico ad uso topico da quando sono entrata in menopausa, contemporaneamente alla terapia ormonale sistemica estroprogestinica. Quindi da 6 anni. Tutti i giorni, due click.

Il prodotto mantiene le promesse. Lo definirei un grande amico della donna. Soprattutto a livello del miglioramento della libido, che è il primo aspetto che ho avvertito modificarsi con l’arrivo della menopausa, la differenza si sente moltissimo. Ed il cambiamento è stato veramente notevole in termini di maggiore lubrificazione ed eccitazione. A questa terapia (TOS sistemica e testosterone topico) ho aggiunto anche l’utilizzo del DHEA per via sistemica che all’epoca, quando sono entrata in menopausa, era ancora prescrivibile.

Poi, con la nuova normativa che ne ha impedito la commercializzazione, mi sono trovata, come tante di noi, in difficoltà. Quindi, inizialmente l’ho acquistato presso farmacie all’estero come preparazione galenica dietro presentazione di ricetta medica, ma poi, d’accordo con il prof Gambacciani, abbiamo deciso di provare ad utilizzare il testosterone transdermico se pur leggermente differente dal DHEA, il quale in parte si converte anche in estrogeno, cosa che ovviamente il testosterone non fa. E devo dire che mi sono trovata benissimo:

  • non ho avuto nessun effetto collaterale androgenizzante,
  • è aumentata la forza fisica e l’energia anche mentale,
  • è migliorato il tono muscolare.


Inoltre, nelle zone di applicazione migliora moltissimo la qualità della cute che appare meno stropicciata. Peccato, doversi attenere scrupolosamente ai dosaggi consigliati per evitare gli effetti collaterali descritti, perchè se fosse possibile utilizzarlo come crema idratante per il corpo, sarebbe il prodotto più efficace esistente sul mercato.

Attualmente alterno periodi in cui utilizzo il DHEA sistemico (tra l’altro ho trovato siti attendibili in sui è possibile acquistarlo, consigliati da un ginecologo che ha esaminato in laboratorio il contenuto delle capsule) a periodi in cui utilizzo il testosterone transdermico.

Per quanto riguarda l’atrofia vulvo-vaginale invece non ho avuto grossi problemi. Presumo che l’utilizzo del testosterone fin dall’ingresso in menopausa, mi abbia protetto ed abbia prevenuto i sintomi. Tanto è vero che ho iniziato ad avvertire qualche leggero fastidio durante i rapporti sessuali dopo 4 anni dall’ingresso in menopausa. A quel punto, proprio per evitare il peggioramento della sintomatologia, sono corsa immediatamente ai ripari (e consiglio anche a voi di fare così perchè si tratta di sintomi che tendono a peggiorare drammaticamente con il tempo). Quindi ho abbinato alla terapia con testosterone bioidentico topico:

  • il laser vaginale rigenerativo
  • il prasterone (dhea vaginale)


Ed attualmente vado avanti così e sto bene. Perchè ricordate che STARE BENE SI PUO’ E….SI DEVE

BIBLIOGRAFIA

  1. The Genitourinary Syndrome of Menopause: An Overview of the Recent Data. Angelou K, Grigoriadis T, Diakosavvas M, Zacharakis D, Athanasiou S.Cureus. 2020 Apr

  2. Genitourinary syndrome of menopause. Briggs P.Post Reprod Health. 2020 Jun

  3. Genitourinary syndrome of menopause: new terminology for vulvovaginal atrophy from the International Society for the Study of Women’s Sexual Health and the North American Menopause Society.Portman DJ, Gass ML; Vulvovaginal Atrophy Terminology Consensus Conference Panel.Menopause. 2014 Oct

  4. Genitourinary syndrome of menopause: Common problem, effective treatments.Phillips NA, Bachmann GA.Cleve Clin J Med. 2018

  5. Relationship between changes in vulvar-vaginal atrophy and changes in sexual functioning.Pinkerton JV, Bushmakin AG, Komm BS, Abraham L.Maturitas. 2017 Jun

  6. Is wetter better? An evaluation of over-the-counter personal lubricants for safety and anti-HIV-1 activity.Dezzutti CS, Brown ER, Moncla B, Russo J, Cost M, Wang L, Uranker K, Kunjara Na Ayudhya RP, Pryke K, Pickett J, Leblanc MA, Rohan LC.PLoS One. 2012

  7. Reviewing the options for local estrogen treatment of vaginal atrophy.Lindahl SH.Int J Womens Health. 2014 Mar

  8. Biopsychosocial predictors of postmenopausal dyspareunia: the role of steroid hormones, vulvovaginal atrophy, cognitive-emotional factors, and dyadic adjustment.Kao A, Binik YM, Amsel R, Funaro D, Leroux N, Khalifé S.J Sex Med. 2012 Aug

  9. Androgens and Female Sexual Function and Dysfunction–Findings From the Fourth International Consultation of Sexual Medicine.Davis SR, Worsley R, Miller KK, Parish SJ, Santoro N.J Sex Med. 2016 Feb

  10. Testosterone replacement therapy: current trends and future directions.Nieschlag E, Behre HM, Bouchard P, Corrales JJ, Jones TH, Stalla GK, Webb SM, Wu FC.Hum Reprod Update. 2004 Sep-Oct

  11. In vitro percutaneous absorption of ketoprofen and testosterone: comparison of pluronic lecithin organogel vs. pentravan cream.Lehman PA, Raney SG.Int J Pharm Compd. 2012 May-Jun

  12. Evaluation of percutaneous absorption performance for human female sexual steroids into pentravan cream.
  13. Polonini HC, Brandão MA, Ferreira AO, Ramos C, Raposo NR.Int J Pharm Compd. 2014 Jul-Aug

  14. Vaginal application of testosterone: A study on pharmacokinetics and the sexual response in healthy volunteers.Apperloo M, Midden M, van der Stege J, Wouda J, Hoek A, Weijmar Schultz W.J Sex Med. 2006 May

  15. Topical testosterone for breast cancer patients with vaginal atrophy related to aromatase inhibitors: a phase I/II study.Witherby S, Johnson J, Demers L, Mount S, Littenberg B, Maclean CD, Wood M, Muss H.Oncologist. 2011

  16. Vaginal Testosterone for Management of Aromatase Inhibitor-Related Sexual Dysfunction: An Integrative Review.Lemke EA, Madsen LT, Dains JE.Oncol Nurs Forum. 2017 May

  17. The Women’s EMPOWER Survey: Identifying Women’s Perceptions on Vulvar and Vaginal Atrophy and Its Treatment.Kingsberg SA, Krychman M, Graham S, Bernick B, Mirkin S.J Sex Med. 2017 Mar

  18. Localization of the androgen-synthesizing enzymes, androgen receptor, and sex steroids in the vagina: possible implications for the treatment of postmenopausal sexual dysfunction.Bertin J, Dury AY, Ouellet J, Pelletier G, Labrie F.J Sex Med. 2014 Aug

  19. An immunohistochemical study of androgen, oestrogen and progesterone receptors in the vulva and vagina.Hodgins MB, Spike RC, Mackie RM, MacLean AB.Br J Obstet Gynaecol. 1998 Feb

  20. Testosterone and breast cancer prevention.Glaser R, Dimitrakakis C.Maturitas. 2015 Nov

Diventa Partner

Compila il modulo per richiedere di diventare partner Menopauseboost!
farmaciasancarlo

Tutte le associate possono usufruire del 10% di sconto su tutti i prodotti Farmacia San Carlo sul sito sancarlofarma.it  e terisfarma.com con il codice condiviso al momento dell’iscrizione (MENOPAUSEBOOST)

[ihc-purchase-link id=1]SignUp[/ihc-purchase-link]
farmaciasancarlo

Tutte le associate possono usufruire del 10% di sconto su tutti i prodotti Farmacia San Carlo sul sito sancarlofarma.it  e terisfarma.com con il codice condiviso al momento dell’iscrizione (MENOPAUSEBOOST)

farmaciasanbortolo
La Farmacia San Bortolo offrirà alle associate al network menopause boost le seguenti agevolazioni:
  • Consulenza gratuita della durata di 30 minuti in:
  • Dermocosmesi-> finalizzata alla scelta mirata e consapervole dei migliori trattamenti per la pelle della persona (anti-age, macchie della pelle, acne, pelle fragilizzata e sensibile);
  • Integrazione e alimentazione per lo sportivo: consulenza svolta da farmaciste specializzate ed in possesso della qualifica di “Nutritional Sport Consultant”;
  • Omeopatia e fitoterapia
  • Allestimento di preparazioni galeniche magistrali (ovvero personalizzate e sotto prescrizione medica) di natura ginecologica, dermatologica, veterinaria, pediatrica etc.
  • Consulenze ed allestimento di preparazioni galeniche a base di cannabis terapeutica;
  • Sconto del 10% su tutta la dermocosmesi, il parafarmaco, integrazione sportiva;
  • Consulenza e prova gratuita dei servizi di estetica avanzata con l’uso di macchinari, svolti in farmacia ovvero:
  • Epilazione definitiva con laser diodo;
  • Radiofrequenza,
  • Ossigenoterapia, microdermoabrasione,
  • Pulizia del viso ad ultrasuoni

PARTNER E PROFESSIONISTI

A CHI RIVOLGERSI

Associandoti avrai accesso ad agevolazioni su  prodotti, Centri medici, Laboratori, centri Fitness, Farmacie e laboratori sia per formulazioni galeniche che prodotti farmaceutici e cosmetici.